Polacchino, Polacchina o Desert Boot: Tanti Nome per un Solo Grande Classico

polacchino da uomo

POLACCHINO UOMO

Il modello che è irrinunciabile nell'armadio di ogni uomo è di certo il Polacchino. Questa scarpa racconta la storia degli anni '50 e seguenti, pur affondando le sue radici ben più nel passato. Noi di Soldini amiamo questo modello, per la sua storia, certo, ma anche per la sua modernità, perché ha saputo restare sempre fedele a sé stesso, senza soffrire il passare degli anni e delle mode.

STORIA DEL POLACCHINO (E DELLE SUE MOLTE NOMENCLATURE)

Il Polacchino nasce fra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento come scarpa per tutti, uomini ma anche donne e bambini. Ancora il nome principalmente usato era solo al maschile, Polacchino, ancora oggi ampiamente utilizzato, ed era un poco diverso da come lo conosciamo oggi: un po' più alto e con allacciatura laterale attraverso bottoncini.

La trasformazione da quella scarpa al Polacchino che conosciamo oggi avviene attorno agli anni '50 del secolo scorso quando assumono la foggia attuale e si diffondono diventano conosciuti in Inghilterra con il nome di Desert Boots. Il nome richiama apertamente la fonte d'ispirazione delle stesse, ravvisabile nel deserto birmano, dove le truppe inglesi erano all'epoca impegnate. Truppe che nel tempo libero preferivano utilizzare quelle scarpe locali, in pellame, alte sul collo del piede, con suola in gomma ma leggere, con suola in gomma, liberando i piedi dalla tortura cui gli stivali d'ordinanza li sottoponevano.

Questa scarpa, approdando sul suolo di Sua Maestà, diventa in pochissimo tempo adorata dai giovani e dalle star del tempo. Si ritrova ai piedi dei Beatles e di Steave Mc Queen, ma soprattutto, invade le strade e attraversa lo Stretto della Manica per approdare in Francia.

Qui diventa la scarpa dei ragazzi che negli anni sessanta scendono in piazza e protestano contro la politica di De Gaulle e la guerra in Vietnam. E con il passare del moto sessantottino in Italia, così arriva in Italia anche la moda del Polacchino, o anche della Polacchina risultando diffusa, soprattutto a seconda delle zone geografiche, anche questa seconda dicitura.

La scarpa convince immediatamente i giovani perché pratica e leggera. La suola in gomma la rende antiscivolo mentre l'allacciatura sul collo del piede, composta solamente da un doppio occhiello, è pratica e veloce.

Eppure non è solo una scarpa della controcultura, perché risulta adatta per essere indossata tanto nei circoli o casa di amici quanto negli austeri ambienti universitari o lavorativi.

IL POLACCHINO OGGI

Il Polacchino risulta ancora oggi immutato ed, ancora oggi come allora, un must dell'abbigliamento maschile, imprescindibile ed irrinunciabile per tutta la lunga stagione che inizia in autunno e termina solo a primavera inoltrata.

É una scarpa facile da abbinare nella vita quotidiana, prestandosi alla vita lavorativa quanto a quella privata. È perfetto per contesti che richiedono un tocco di formalità, ma non esagerata, così come per abbigliamenti casual.

Il pellame, il classico scamosciato, rende la scarpa al contempo morbida da indossare ma anche semplice da abbinare. Può star bene accanto ad un pantalone da uomo tanto quanto sotto un cinque tasche o ancora con un jeans.

Il Polacchino è sempre adeguato alle circostanze. Forse per il suo taglio, che è semplice ma al contempo particolare, oppure per il materiale e quella sensazione di calore e morbidezza che lo scamosciato gli dona.

Noi di Soldini, nel rispetto della tradizione, amiamo sempre proporre dei modelli di Polacchino nelle classiche tonalità del marrone, dal gianduia fino al testa di moro, ma ci piace altresì vedere come questo modello possa continuare ad essere sempre lo stesso nato cinquant'anni fa, ma un poco più attuale e moderno, semplicemente cambiando colorazione e scegliendo un blu o un grey wolf o ancora un antracite.

polacchino da uomo desert boot

OCCASIONI IN CUI SFOGGIARE IL PROPRIO POLACCHINO

La comodità e la praticità di questa scarpa la rendono in fine la scarpa irrinunciabile per ogni uomo nella stagione autunno-inverno. Non è una scarpa per contesti molto eleganti o per cerimonie; pur potendola abbinare ad un pantalone di taglio sartoriale, quando l'ambiente lavorativo richiede particolare formalità oppure lo richiedono alcune occasioni, quali una conferenza o un meeting con i clienti, al di fuori di questi, in ogni altro contesto elegante, il Polacchino risulterebbe stonare. Difatti si tratta di una scarpa che, per quanto la sua perfetta manifattura e semplicità gli donino un che di elegante, resta sempre informale, pratica, quasi sportiva, fedele alle citate origini di desert boot.

Una scarpa quindi che sdrammatizzerebbe troppo un abito elegante, sotto il quale, d'inverno, resta sempre obbligatorio abbinare una stringata.

Ciò detto, fatte quindi le eccezioni d'obbligo, via libera al Polacchino in ogni altra occasione! Sul lavoro, nel tempo libero, sull'asfalto come sullo sterrato: il Polacchino è una scarpa che può essere indossata tanto da un impiegato d'ufficio quanto da un lavoratore manuale, perché versatile, caldo e comodo.

Cos'altro si può volere da una scarpa invernale?

Ovviamente la qualità, l'artigianalità ed il made in Italy, e per quello ci siamo noi di Soldini a darne garanzia.